INFO      Home      Regolamento      Domande      Iscritti      Iscrizioni      Film      Galleria      Evento in diretta

>Logo NR               Come raggiungere la partenza (Marina Piccola CA) >entra             Attrezzare la MTB >vedi Film     >vedi foto

 CLASSIFICA IN DIRETTA


 

LA DIRETTA NEWS

« La vita in Sardegna è forse la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattro mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso »

(Fabrizio De André, 1996)


La gara partirà da Marina Piccola zona di Cagliari alle 05:00 del 24 settembre 2010

Ente Foreste

Un ringraziamento Particolare all'Assessorato del Turismo che ha appoggiato con entusiasmo questo progetto e all'Ente Foreste nella figura del Presidente Salvatore Paolo Farina che con grande impegno e disponibilità ha dato la possibilità all'evento Naturaid di percorrere le piste e passare in parchi e aree uniche e speciali.

 

Soccorso Alpino e Speleologico

Vi aspettiamo alla prossima Avventura 2011 "Sardegna di Emozioni"

 

 

 1°NATURAID SARDEGNA 23 set. 21:00

Incominciato il Naturaid Sardegna 2010 con le verifiche nell’anfiteatro di Marina Piccola a Cagliari. La giornata era splendida e un mare cristallino invitava ad un tuffo alla gioia. Presenti 24 atleti che partiranno domani mattina alle 05:00. Presenti le tre ragazze che sembravano le più rilassate mentre tra gli uomini giravano voci di strategie e tattiche. Ci aspettiamo una grande gara. Raffaele Vergella, 2 volte vincitore del Naturaid Marocco, Silvio Duchi grande protagonista alle 24 ore ritornato alle gare dopo un incidente alla schiena, Daniele Modolo esperto di gare avventurose, Lorenza Menapace campionessa di MTB e sicuramente anche tutti chi altri partecipanti ci faranno divertire. Un dispiacere per l’assenza di Mauro Miorelli per problemi di malattia e del campione sardo Giorgio Carta per la rottura del polso, sicuramente avrebbero dato emozioni al pubblico che segue. Un grosso augurio di ritrovarli ai prossimi appuntamenti.

Buona Notte

Poche ore al Naturaid Sardegna 2010 >entra

Film entra

23:35

Tutti dormono a Marina Piccola nelle sale messe a disposizione dalla Lega Navale

 

e tra poche ore ci sarà la colazione


NEWS >entra

Partenza Film > entra

 

 

Film > entra

 

Sentiero Film > entra

 

 

Qualcuno dorme profondamente.

 

Guado Film > entra

Il vincitore Matteo Melis

De Keukelaere Johan

Duchi Silvio  e  Verzella Raffaele

Il loro arrivo Film

1a donna Lorenza Menapace e Mauro Occhi

Daniele Modolo

 

Verso il CP Film > entra

ARRIVI FILM > entra

CLASSIFICA FINALE NATURAID SARDEGNA 2010

ARRIVO

  31 Matteo Melis 21:00 25 sett.

  12  De Keukelaere Johan  21:03 www.ex1818.be   

  21 Silvio Duchi   21:44

  26 Raffaele Verzella  21:44

4°  2 Lorenza Menapace  01:35 26 sett

  30 Occhi Mauro  01:35

  24 Daniele Modolo 04:15

  27 Desmedt Gunther  09:0

  9  De Boever Jurgen  11:00

  19 Pierpaolo Sulis 12:00

  17 La Rosa Michele 12:00

  23 Van Den Daele Tim 12:00

Hanno completato il giro di 320 km e 7300 m di dislivello:

22 Casu Michele  in 47h16min

29 Melis Marco  in 47h16min

11 Roberto Cotza  in 47h16min

8 Amos Cardia  in 47h16min www.amoscardia.com

 

Matteo Melis 40 ore,  2° De Keukelaere Johan 40 ore 3 min, 3° Duchi Silvio, Verzella Raffaele (Non presente alla premiazione) 40 ore e 44 min

Arrivo Silvio Duchi e Raffaele Verzella Film

Il vincitore Matteo Melis vince anche l'iscrizione al Rally di Sardegna 12-18 giugno 2011 offerto gentilmente dagli organizzatori www.rallydisardegnabike.it (BELLISSIMA GARA A TAPPE)


4i Lorenza Menapace e Mauro Occhi 44 ore e 35 min,

1a donna Lorenza Menapace vince un Viaggio Weekend per 2 persone offerto dall'Agenzia Viaggi Briscoli e un piatto in ceramica decorato a mano offerto da Usai Doriana ceramica artigianato tradizionale Assemini


Daniele Modolo 47 ore e 15 min

  

Desmedt Gunther 52 ore,          De Boever Jurgen  54 ore

Pierpaolo Sulis 55 ore

 La Rosa Michele 55 ore

 Van Den Daele Tim 55 ore

 

NEWS >entra

I film nelle varie situazioni anche quotidiane di questa Avventura

1 Naturaid Briefing a Marina Piccola

2 Naturaid Sardegna, il briefing alla Marina Piccola

3 Naturaid Sardegna, la colazione, la partenza

4 Naturaid Sardegna, la colazione, la partenza

5 Naturaid Sardegna partenza venerdì 24 ore 5 del mattino

6 Naturaid Sardegna partenza venerdì 24 ore 5 del mattino

7 Naturaid Sardegna partenza venerdì 24 ore 5 del mattino

8 Matteo Melis poco dopo l'arrivo a Marina Piccola

9 Andrea Doro batte il 5 con il belga

10 Maurizio discorso premiazioni

11 Premiazioni Naturaid Sardegna

12 Premiazioni Naturaid Sardegna

13 Premiazioni Naturaid Sardegna

14 Premiazioni Naturaid Sardegna

15 Premiazioni Naturaid Sardegna

  

Vi aspettiamo alla prossima Avventura "Sardegna di Emozioni"

Il percorso ingrandisci


Grazie di cuore a tutti quelli che ci hanno aiutato e sostenuto:

 

  1. Fabrizio Saiu (SMTB)
  2. Davide Murgioni (SMTB)
  3. Salvatore Mallica (SMTB)
  4. Wlady Scalas (SMTB)
  5. Livio Masala (SMTB)
  6. Daniele Maiorino (SMTB)
  7. Maurizio Fadda (SMTB)
  8. Sergio Soro
  9. Massimo Farris
  10. Gianni Casu (Presid. Polisportiva Isili)
  11. Manuela Spiga
  12. Efisio Solinas (infermiere)
  13. Hotel Sant’Angelo e Chicca Siri (ristoro CP 2)
  14. Comune di San Vito (gazebo  CP3)
  15. Pro-loco San Vito (ristoro CP3)
  16. Giuliano Meloni (organizzatore-coordinatore CP 3)
  17. Zuncheddu Giuseppe (ovile-cancelli di S.Vito)
  18. Comune di Tertenia (sala consigliare CP 4)
  19. Pro-loco Tertenia (ristoro CP 4)
  20. Corias Cesare (organizzatore, accoglienza ristoro CP 4)
  21. Vittorio Merlo (CP 4)
  22. Comune di Ulassai (rifugio S.Barbara CP 5)
  23. Franco Cogusi (coordinatore CP 5)
  24. Comune di Gairo Taquisara (spogliatoi campo sportivo CP6)
  25. Bruno Salis (accoglienza-ristoro CP 6 Gairo Taquisara)
  26. Comune di Seui (sala vecchio comune CP9)
  27. Vigile comunale Luciana CP 9)
  28. Mauro Morelli e Vania Peretti (CP 9)
  29. Comune di Perdasdefogu (palestra CP 11)
  30. Luca Corgiolo (ristoro CP 11)
  31. Patrizio Lai, Mario Lai, Angelo Palmas (Aree Private e cancelli)
  32. Salvatore Dessì (CP 12 ovile)
  33. Comune di Villasalto (palestra CP 13)
  34. Assessore allo Sport Sandro Lorrai
  35. Polisportiva di Villasalto (ristoro CP 13)
  36. Nicola Cotza (coordinatore-organizzatore CP 13 Villasalto)
  37. Comune di Sinnai (stanza e area Anfiteatro CP 15)

Altri aiuti:

Soccorso Alpino e Speleologico

  1. Tutti gli amici del Soccorso Alpino e Speleologico della Sardegna e i loro infermieri.
  2. Targhe 2° e 3° classificato: R.A.S. Assessorato alla Programmazione - On. La Spisa
  3. Premio 1° donna piatto in ceramica decorato a mano offerto da Usai Doriana ceramica artigianato tradizionale Assemini
  4. Premio 1° donna, viaggio weekend per 2 persone offerto da VIAGGI BRISCOLI (Riva del Garda TN)
  5. Premio 1° assoluto ISCRIZIONE RALLY DI SARDEGNA 2011
  6. Premi tecnico-sportivi Techno-bike Assemini di Giorgio Carta
  7. Pacco premi atleti: R.A.S. Ente Foreste – Presidente Salvatore Paolo Farina
  8. Pacco premi atleti: R.A.S.  Assessorato al Turismo On. Sebastiano Sannittu (Particolar. Sig. Giampiero Cocco dell’Uff. del gabinetto dell’Assessorato)
  9. Location Marina Piccola: Lega Navale (Sede, spogliatoi, docce)
  10. MOTOMAR SARDA Sig Gianni Onorato (ANFITEATRO-PORTO A MARINA PICCOLA)
  11. Maurizio Zedda (Coordinatore Lega Navale, WWW.ZEUSCANOE.COM)
  12. Organizzazione accoglienza, rinfreschi, colazione, pasta-party, premiazioni, ecc.: Lisa, Gesuina, Roberta, Federica.
  13. Gli sponsor MONTURA, VIAGGI BRISCOLI, ORTLIEB, WWW.SARDINIAMOUNTAINBIKE.IT,
  14. Tutti gli atleti
  15. La Sardegna, tutta la sua natura e naturalmente il buon Dio!

VI ASPETTIAMO PER IL 2°NATURAID SARDEGNA.

Noi ci stiamo preparando per partire e voi?

 CLASSIFICA IN DIRETTA AGGIORNATE


Primi commenti e considerazioni


Devo fare veramente i complimenti a tutti gli atleti che hanno affrontato con determinazione il NATURAID SARDEGNA 2010, un percorso lungo e impegnativo e reso ancora più difficoltoso dalla pioggia del primo giorno, dai tratti in notturna e dalla difficoltà di orientamento insita nelle caratteristiche del nostro territorio.
Ma in particolare devo elogiare tutti gli atleti sardi che hanno dimostrato una preparazione o comunque una forza di volontà fuori dal comune, spesso facendo “gruppo” unendo le forze e facendosi compagnia, altre volte affrontando anche lunghi tratti in solitaria.
E voglio elencarli tutti, a partire da Matteo Melis, il più giovane degli atleti partecipanti con i sui 24 anni, iscrittosi quasi all’ultimo momento, che ha dimostrato più di tutti una forza e caparbietà di andare avanti al di là della stanchezza e del sonno (non si è mai fermato a dormire!), con la scelta intelligente di unirsi, senza mai mollarli, a due dei più forti atleti presenti, Silvio Durchi e Raffaele Varzella, che lo hanno “traghettato” sino al penultimo CP poi, vistosi superare dal forte belga Johan, ha rotto gli indugi e si è lanciato all’inseguimento nella discesa verso Sinnai, dove non aveva più bisogno del road-book, e tra il CP 15 (Sinnai) e l’arrivo, lo ha superato arrivando PRIMO ASSOLUTO con 40h 0’, dandogli anche 3’ di distacco. Per la cronaca, Silvio e Raffaele sono arrivati terzi a parimerito.
Pierpaolo Sulis, dopo Matteo è l’unico sardo che ha completato l’intero “percorso lungo” di 433 km in 55 h, grandissima prestazione!
Luigi Olla che ha resistito insieme a Pierpaolo sino al CP 13 di Villasalto (solo 363 km!) e che ha abbandonato per i forti dolori alle ginocchia che lo tormentavano già dai CP precedenti.

Poi abbiamo il gruppo del “percorso corto” di 330 km (corto per modo di dire!) arrivati tutti assieme in 47 h e 16’:
Amos Cardia, che ha affrontato tutte le tappe con una calma e una leggerezza come se stesse facendo una delle sue escursioni.
Michele Casu (alias Casum72), non ci sono parole, ha detto tutto lui nel suo dettagliato resoconto. Aggiungo solo i complimenti per la preparazione atletica che hai dimostrato.
Roberto Cotza (alias Roby..), il nostro unico grande atleta del gruppo SMTB presente alla gara, che ha sorpreso tutti (penso anche se stesso!) con una prestazione superba, instancabile e costante CP dopo CP sino al traguardo di Marina Piccola. Grande Roby!!!
Marco Melis, il nostro Sindaco “estremo” che dopo il Rally di Sardegna ha voluto cimentarsi con successo anche in una competizione come questa, totalmente diversa perché in autosufficienza ed in tappa unica.

Grande determinazione anche per altri due atleti che hanno abbandonato dopo 246 km ma che si sono fatti altri 120 km di asfalto per arrivare con le proprie bici sino a Marina Piccola (secondo me avrebbero anche completato il percorso!):
Elisabetta Mosso, triatleta ma alla sua prima esperienza con gare in bici di lunga distanza, l’unica donna sarda che ha avuto il coraggio (e che coraggio) di affrontare una competizione dura come questa. Sempre con il sorriso e con un’energia invidiabile (anche dai maschietti!)
Michele Pinna, che è sceso dalla sua Arzana con l’amico Marco Melis per affrontare questa prova, che ha fatto gran parte della gara con Elisabetta, con grande cavalleria, condividendo sino all’ultimo questa esperienza.

Voglio anche dire che anch’io, anche se non ho potuto partecipare (e vi garantisco che la cosa mi è costata!), mi sono divertito ugualmente veramente tanto, osservando gli atleti nei vari passaggi ai CP riuscivo a percepire gli umori, gli entusiasmi, le paure, i dubbi, un po’ di tutti ma anche nelle varie attività con l’organizzazione degli spostamenti, i soccorsi, gestendo gli stessi CP e anche restando solo isolato come nell’ovile a Murdega (al CP 12) ho trovato dei momenti positivi, forse sono questi che mi hanno sostenuto nei 3 gg dove ho dormito solo 45’. E ho visto che questi sentimenti gli hanno provati anche tutti gli amici che ci hanno dato una mano, nonostante l’impegno e la stanchezza, si respirava un entusiasmo generale. Voglio ringraziarvi tutti, anche a nome di Maurizio, anche in questa sede, sia gli assistenti ai CP, i ragazzi del Soccorso Alpino e tutti gli altri che in varia maniera ci hanno aiutato, senza stare qui ad elencare tutti (ma qui potete trovare tutto l’elenco http://www.mauriziodoro.it/NATURAID%...%20DIRETTA.htm), GRAZIE a TUTTI Antonio Marino (tracciatore ufficiale)
 

 

N°22 Casu Michele  Ha completato il giro di 320 km e 7300 m di dislivello in 47h16min

Per chi ha voglia e la pazienza di leggerlo:

RESOCONTO DELLA GARA NATURAID SARDEGNA 2010

PARTENZA-CP1
Dopo una notte insonne per colpa del pavimento duro, di un russatore belga e delle zanzare assassine con solo 2 ore di riposo nel sedile di dietro della mia macchina, mi sveglio alle 4 del mattino e partiamo alle 5 con un cielo coperto ma una temperatura estiva. Mi accodo al gruppo di testa per i primi 30 Km di pianura ma a metà della salita li lascio andare e rallento e aspetto 2 ragazzi continentali per procedere con loro (il mio intento è risparmiare luce perchè non so quanta autonomia abbia) ma dopo una curva in un tratto in discesa li perdo di vista vado giù veloce ma non li vedo più e quindi mi assale il dubbio di aver sbagliato strada torno indietro ma trovo la coppia belga che scende e quindi li seguo. Hanno il mio stesso ritmo chiacchero in inglese con loro (che fatica per me!) e li seguo fino al CP1 che raggiungiamo dopo un bellissimo single in discesa.
 

CP1-CP2
Tappa facile sia per il fondo che per il dislivello, pedalo insieme ai 2 biker del Belgio che mi fanno da guida! Infatti uno dei 2 è molto bravo a leggere il roadbook anche perchè ha memorizzato tutte le coordinate segnate nello stesso prima della partenza, ha poi 2 ciclocomputer e il portamappa in una posizione comoda e facilmente leggibile. Tutte cose che io non ho. Arriviamo insieme fino all'Hotel S. Angelo.

CP2-CP3
Parto dietro al belga ma dopo neanche 20 metri di discesa perdo il roadbook (MIA DISPERAZIONE PER TUTTA LA GARA), perdo 10 ' per trovare uno spessore che lo fermi al mio portamappa artigianale ma li raggiungo dopo qualche Km e fino al Km 11 sto dietro a loro. Il fondo è sconnesso sassoso e sporco di rovi, macchia mediterranea e quant'altro e quindi duro anche se la pendenza non è tanta. Si arriva all'ovile dove inizia la discesa ma dopo pochi metri un tintinnio fastidioso mi costringe a fermarmi. I 2 perni che ancoravano il portapacchi anteriormente al telaio si sono sganciati. Le 2 viti si sono allentate per le vibrazioni. Quindi 5' di imprecazioni anche perchè inizia a piovere, 10' per prendere il multi attrezzo, riavvitare, fissare la sacca stagna con l'elastico, stavolta facendolo passare davanti al tubo reggisella, riattaccare il faretto al casco che nelle manovre di manuntenzione straordinaria della bici si era staccato dopo forse 20-30' riparto in solitaria finche all'inizio del single che scende a San Vito trovo Amos ed insieme lo percorriamo. Il single è bello ripido tecnico e viscido la bici è pesante inguidabile quindi scendo dominando la voglia di lasciare andare i freni che mi passa dopo 2 cadute. Ma anche a piedi è dura, scivolata delle scarpe sulla roccia umida, la ruora anteriore si punta su una pietra e la bici si ferma e ferma anche me da una caduta in avanti ma rimedio un discreto colpo di pedale alla tibia destra. Che dolore! Con cautela arriviamo a San Vito. Amos si accomoda su una sedia e insieme facciamo razzia di viveri e non paghi andiamo al bar a berci io un caffè e lui un the. La pioggia si fa più intensa e la temperatura scende un po'. Incerata e si parte dopo una bella pausa in cui è mancata solo la birretta defaticante.

CP3-CP4
Una delle tappe più emozionanti. Partiamo con Amos da San Vito fino a Quirra e poi verso Torre Murtas in un leggero saliscendi fino al mare. Per quanto il cielo sia coperto il mare si offre al suo spettacolo di colori, calmo e fermo con dietro un orizzonte che sembra continuare con la cupola del cielo. Da qui fino alla marina di Tertenia il percorso è sassoso ma piacevole, il paesaggio è parzialmente rovinato da dei cavi che lo percorrono sulla sinistra , ma l'odore della pioggia e del mare rendono impercettibile la fatica. Amos ha difficoltà a cambiare marcia per via dei guanti bagnati quindi decide di fare un fuoco per asciugarci. Quindi troviamo della legna asciutta facciamo un fuoco lungo il sentiero e ci scaldiamo e asciughiamo i guanti. Le mie mani sono in fase di macerazione come dopo un bagno di 3 ore e mi fanno male, il fuoco risulterà fondamentale. Arrivati alla marina inizia la salita partiamo insieme ma dopo pochi metri perdo di vista Amos continuo col mio passo e arrivo alla sala consiliare di Tertenia e mangio a sfinimento. Sto bene le gambe in quella salita costante si sono come rigenerate: l'umore è alle stelle e sono deciso a fare il giro lungo: Perda Liana aspettami. Amos non arriva parto ci sono ancora 2 ore di luce e le voglio sfruttare bene.

CP4-CP5
La tappa più formativa. Dalle stelle alle stalle. Si potrebbe riassumere così. Parto e via circa 10 km in salita fino al parco eolico le gambe stanno bene, trovo il ritmo giusto e arrivo all'asfalto all'imbrunire e al tratto su sterrato al buio. Guidare al buio è bellissimo, ogni tanto qualche uccello notturno, pipistrello mi gira attorno ma la discesa è bella e vado veloce. Ho qualche problema a mantenere il fascio di luce del faro sul casco più avanti possibile, il che mi costringe ad una posizione anomala del collo le cui conseguenze ancora pago anche mentre scrivo. Al KM 22.92 l'errore. Il mio ciclocomputer è approssimativo segna circa 26 e quindi giro a destra dove non avrei dovuto (questo errore è stato fatto da quasi tutti quelli che mi hanno seguito al buio) faccio 400 mt trovo un segnale procedo per un 1 km finche la sterrata invece di trasformarsi in asfalto si restringe e finisce davanti ad una recinzione dopo avermi fatto passare tra felci alte mezzo metro bagnate. NOn fa niente risalgo di mezzo Km trovo i segnali ma mi indicano la strada che ho appena fatto riscendo cado mi rialzo e frugo tra i cespugli sempre più bagnato e infreddolito. Risalgo. Incomincio ad avere dei dubbi. Su tutto. Incomincia ad insinuarsi, complice il freddo ed una velata disperazione, nel mio cervello la psicosi: qualcuno ha spostato i segnali! risalgo trovo una biforcazione procedo per 500 mt ma non trovo segnali. Ritorno indietro delirante e al buio. Il primo pacco batterie della headlamp si è scaricato, la luna c'è ma a tratti e non è affidabile, a volte mi illude che ci sia qualcun'altro. Il cellulare non prende. Mi viene anche l'idea di riposarmi dentro un casolare ma ci ripenso. Risalgo su verso il Km 22.21 e cerco un segnale....nel mio cellulare. Finalmente il cellulare prende chiamo Antonio ma il cell non funziona, qualcuno lo ha manomesso!, provo 2-3 numeri niente di niente. Poi riesco a chiamre uno del soccorso alpino per farmi dare il numero di Maurizio. Niente. Riprovo a chiamare Antonio stavolta il cellulare funziona: ho sbagliato strada! e quei segnali li avevano messi inizialmente loro ma poi avevano rinunciato a farci percorrere quel tratto perchè temevano che qualcuno si perdesse. Parole sante. Torno indietro dopo 2 ore di freddo e oscurità e rotazione vorticosa di didimi. Dal tratto 22.92 in un attimo arrivo al CP 10, di transito, e da li inizio la salita verso Santa Barbara, illuminato dagli occhi delle mucche che riposavano lungo la strada. Arrivo alle 23 e vedo le auto parcheggiate ma non capisco dove sia il CP. Entro in una casetta con la porta aperta, non c'è nessun segnale e all'interno c'è una persona che dorme (che sia un rifugio?) quindi esco. Sento delle voci vicine, busso ad una porta in un casolare adiacente e becco una comitiva di ragazzi alticci che spuntinavano in allegria e immaginatevi cosa tutto hanno detto quando mi hanno visto entrare con casco e faro a led in testa acceso e domandargli "è questo il check point?". Il più sobrio mi dà la risposta rientro nella porta precedente sveglio i presenti e mangio 2 piatti di pasta fredda, poi trovato il gas, accendono i fornelli per scaldare altra pasta e ne approfitto per scaldarmi anche io. Mi cambio la maglietta , mi mangio un altro piatto di pasta stavolta caldo. Arriva un belga che mi dice di aver fatto lo stesso errore e decide di coricarsi. Io aspetto gli altri ma non arrivando nessuno, opto per riposare un po' nel rifugio vicino, su un comodo letto. Purtroppo manca l'acqua calda e la luce, ma soprattutto non ho una salopette e delle mutande di ricambio (grave errore). Mi lavo come posso. Dormo fino alla 6 e 30 e sperimento il disagio di rimettermi addosso una salopette bagnata, cerco compagni di viaggio ma mi mandano letteralmente a cagare (bonariamente). Esco fuori e c'è un ventaccio. Colazione e via. Vado in solitaria verso il CP10 e da li inizio il giro "breve".

CP10-CP11
Succede di tutto. Questo taglio di circa 100 km mi porta a contatto, per poco, coi gruppi avanzati del giro lungo, in particolare con la Menapace e M. Occhi che mi superano in un tratto in salita dopo avere schivato l'ennesima mandria di mucche. Da qualche Km battagliavo con la scarpetta avendo perso una vite che tiene la tacchetta sottosuola, quindi mi fermo stringo l'altra vite la riallineo ma si aggancia soltanto perchè al momento dello sgancio ruota e lo impedisce. Che palle! Mai vista e sentita una cosa del genere. Procedo per non perdere tempo senza agganciarmi col piede destro, seguo un singletrack lungo una vigna entro in proprietà privata e ritrovo la coppia che sembra essersi persa. Alla fine, dopo alcuni giri a vuoto risulterà che la strada era giusta ma il proprietario si era scordato dell'accordo con l'organizzazione e il sindaco del paese e aveva chiuso il cancello. Saltato si inzia la salita su asfalto verso Perdasdefogu sto dietro a quelli bravi per un po' ma poi ci rinuncio per via del pedale destro. Mi fermo e tolgo l'elastico, apro la sacca stagna la svuoto tolgo la bustina con le viti da 5 che un mio amico mi aveva consigliato di portarmi e aggiusto la tacchetta. Per la prima volta nel mio bagaglio pesante trovo qualcosa di utile. Arrivo a Perdas e ritrovo per un attimo la coppia di cui sopra che riparte subito.

CP11-CP12
22.95 km dislivello in salita 233 m. Lungo il poligono militare. Penso: una passeggiata. INVECE. Un sali- scendi con vento contrario in un paesaggio surreale con mucche, immancabili, e carcasse di carriarmati e altri mezzi militari abbattuti, posti di blocco, rocce colorate di giallo e vegetazione bassa. Un altopiano desertico con un dedalo di strade che si incrociano. Mi arrangio col roadbook non avendo a disposizione il ciclocomputer. Sbaglio solo una volta, per il resto del percorso seguo le tracce delle altre bici e le S disseminate lungo le sterrate. Un tratto suggestivo consisteva nel passare dentro o attorno a delle buche o crateri fatti da missili o bombe. Poi ad un tratto si entra in un bosco ed inizia un tratto in discesa, quasi 3 Km, ghiaioso e sassoso che guido divertendomi davvero ormai abituatomi al peso della bici, costretto a qualche stop solo per il dolore alle mani e ai polsi. Arrivo all'Ovile dove mi aspetta un Antonio Marino solitario. Parliamo un po' e poi riparto.

CP12-CP13
Tappa dura 33 km con 1124 d.l. 2 lunghe salite in mezzo il guado del Flumendosa. Iniziano i problemi al soprasella, cioè alle mie natiche. Sedersi sulla sella è una fitta lancinante, il fondello umido da diverse ore e il movimento ritmico della pedalata hanno creato un disastro in regione perineale. Da qui in poi pedalare sarà una sofferenza soprattutto su settero sassoso o accidentato. Da segnalare un bellissimo single in discesa "il sentiero del minatore". Il resto è salita su sterratona in mezzo alla miniera di Antimonio Su Sergiu. Arrivo a Villasalto dove alla partenza incrocio Amos a cui dico di raggiungermi durante la prossima tappa per procedere insieme. Sono in solitaria dalla mattina alle 7 e sono solo le 18 e mi aspettano ancora 2 tappe dure.

CP 13-CP14
SOLO 23 Km con d.l di 671 mt. Il vento è fortissimo, il corpo e le gambe non si scaldano e a tratti le raffiche ti costringono a rallentare o fermarti. Mi fermo più volte per vedere se arriva la cavalleria ma non arriva nessuno. Per 6 km si scende su un single tecnico ma dal km 8 al km 12 inizia un interminabile e ripido singletrack a tratti lungo il dirupo a tratti impercettibile perchè coperto dalla vegetazione di cespugli e spine. In parte fatto a piedi, un po' per i dolori (salire e scendere dalla bici è una agonia), un po' per l'imbrunire e la scarsa lucidità, un po' per la pendenza. INTERMINABILE. Poco prima del km 14.70 al buio, erano le 20.30, cerco come riferimento un antenna che non riesco a vedere. Vado avanti torno indietro, finchè non passa un pick up bianco. Qui inizia una scena grottesca:
2 pastori increduli: ti sei perso? io: no. 2P: dove stai andando? io: non lo so emmmmm, (guardo il roadbook è il mio traguardo era zona isolata seguita dalle coordinate). 2P: allora ti sei perso. Spiego che è una gara che ho una mappa da seguire gli leggo le indicazioni e capiscono perfettamente dove devo andare. 2P: ma sei sicuro di trovare qualcuno. Non c'è nessuna luce, non è che i tuoi amici se ne sono andati? ma dove sei diretto. Io a Sinnai e poi a Cagliari. 2P: boh! va be seguici che ti portiamo al punto dove sei diretto.
Partono col Pick-up e via all'inseguimento dello stesso "a tutta" dopo circa 10' con media da giro d'Italia si fermano. Uno dei due mi rassicura: fidati conosciamo il posto e mi da tutte le indicazioni mentre il vento mi asciuga il sudore e incomincio a cagar....dal freddo. Dopo 10' di vento e monologo scendo verso la caserma forestale Monte Genis. Spettacolo tra cervi e cinghiali e i lori occhi sparsi intorno alla mia strada. A qualche metro dal CP si scaricano le luci, cambio di batterie e via verso il CP. Arrivo al punto e trovo una macchina con su scritto "DIREZIONE GARA" vuota. Incomincio ad urlare "c'è nessuno?". Disperazione e di nuovo la psicosi: i 2 pastori hanno ucciso il ragazzo dell'organizzazione, ecco perchè mi chiedevano sogghignando se ero sicuro di trovare qualcuno e ora sono nascosti dietro gli alberi ed è il mio turno. FREDDO FREDDO FREDDO E TROPPI THRILLER. Faccio per tornare indietro ed incrocio una macchina con 2 dell'organizzazione. Mangio qualcosa, mi copro chiedo spiegazioni sulla prossima tappa e decido che sia oltre che prudente anche più divertente farla con qualcuno. Aspetto circa 1 ora ed arrivano i sardi Amos Marco e Roberto e Modolo (di Cortina). Si parte.

CP14-CP15
29 km con 584 d.l in salita e 1057 in discesa. Tutto il dislivello concentrato in 2-3 km in una rampa che sale diritta sulla cresta di Genna Funtana. Nonostante 2 dei miei compagni di viaggio siano del posto e lo conoscano perfettamente sbagliamo strada, Roberto di Villasalto va in crisi di panico ma tornando indietro riprende l'orientamento e l'equilibrio, è veramente un attimo perderlo, e poi troviamo i segni. A 900 mt di altezza il vento è violento, riesci a percepirne la forza perchè le torcie illuminano il pulviscolo che trasporta. Finalmente inizia la discesa. una sassaia lunga ben 14 km con in mezzo una salitella. Più volte mi fermo per i dolori al collo e alle mani. Arrivo a Sinnai. Brevissima sosta e via verso Marina Piccola.

CP15-ARRIVO
19 km 0 dislivello in salita. Trenino e via all'arrivo, dove ci aspetta Maurizio. Poi bagno doccia e 2 ore di sonno sul pavimento della lega navale. Al risveglio saluti caffè e via 220 Km per sassari stavolta in auto.

Cosa ho imparato?
cambiare sella
appendici sul manubrio
portamappa congruo
più autosufficienza nelle luci
2 ciclocomputer e gps con inseriti tutti i waypoint
cambio completo
pasta di fissan

Cosa conservo?
gli occhi della notte
la paura e la solitudine
il mare da Quirra a Tertenia
il deserto del poligono militare e la bellissima discesa fino all'ovile
gli amici del viaggio Amos e Marco e Roberto e il calore di tutta l'organizzazione, del soccorso alpino e l'entusiasmo di Maurizio e Antonio.

Ciao a tutti Naturaider Casu Michele


MOMENTI DI GARA

 

 

 

 

 

 


Commenti e considerazioni

Ciao Mauri, appena rientrato e giá a capofitto sul lavoro, voglio lasciarti due righe, prima che la memoria delle parole, sbiadisca, (solo quella) i ricordi resteranno per sempre.
Ho conosciuto Maurizio e Il Naturaid nel 2007 per me e Davide la prima esperienza in autonomia in Marocco, esperienza dura ma indimenticabile, (ma questa è un altra storia) L' anno successivo pronto al via (purtroppo solo come giudice di gara) sempre in Marocco. Dal 2007 un crescendo di emozioni. Rientrato dal Marocco, assieme a Davide, abbiamo iniziato ad immaginare un Naturaid, peró in Sardegna, nella nostra terra ricca di sentieri e di paesaggi mozzafiato. Devo dire che non c'è voluto molto per convincere Maurizio che la cosa si poteva fare. In poco tempo si è passati dall'idea alla pratica. Ci mancava ancora un elemento FONDAMENTALE, una persona che conoscesse il territorio come le sue tasche. L'amico Antonio Marino, l'uomo dei sentieri e delle varianti ai sentieri.
Coinvolto Antonio, che anche lui non si è fatto pregare tanto, qualche giorno dopo eravamo giá sui sentieri di casa ad esplorare alcuni tratti. Devo dire che a questo punto la mia partecipazione, per cause di forza maggiore, si fa sempre piú rada, e limitata ad alcuni aspetti logistici, e non a quelli piú duri ma divertenti della tracciatura del percorso, fino ad arrivare alla partenza.
Della gara che dire....... Bravissimi tutti chi si affaccia ad una competizione unica in Europa come questa, merita giá di per se un plauso enorme. C'è chi (i piú forti, e come dimenticare le piú forti ) partecipa con l'ambizione di arrivare con i primi, e chi cosciente dei propri limiti, di allenamento, di forma fisica, affronta la gara come sfida personale. A tutti va un ringraziamento, perchè la riuscita della manifestazione passa attraverso Loro.
Devo dire che come giudice di gara, mi sono divertito (anche se ho dormito solo qualche ora in due giorni e mezzo) ne è valsa la pena, ho conosciuto gente fantastica che condivide la mia passione, ho conosciuto Campioni e Campionesse di questo sport.
Spero di ritrovarvi tutti alla prossima occasione, e grazie ancora per regalare pillole di emozioni.

Vi lascio con un album fotografico, relativo ad una delle prime esplorazioni, di un pezzo del percorso che ha poi fatto parte della gara, la data è nov 2008, e Antonio Marino era piú giovane :-)

http://cid-51ba8ab9d6e051e6.photos.live.com/browse.aspx/.res/51BA8AB9D6E051E6!880

ciao Naturaider Fabrizio


NEWS >entra

MOMENTI DI GARA


NEWS >entra

NEWS >entra


….LA MIA AVVENTURA….SELVAGGIA

N°2  4a Lorenza Menapace 44 ore e 35 min

Riscoprire nuovamente una donna che non credevo più d’essere è bello ed al contempo difficile da ammettere.

Naturaid Sardegna 2010 10.000 metri di dislivello, 430 km e oltre…

Arrivo a Marina Piccola il pomeriggio del venerdì dove mi accoglie Mauro. Mi riconosce subito, io immediatamente no, un sorriso e ci si avvia all’ombra di un ombrellone presso un bar nell’attesa che arrivi Maurizio, il Direttore di gara.

Seduti al tepore di questo caldo pomeriggio di fine estate ci raccontiamo le nostre esperienze in bike sorridendo dei piccoli aneddoti che ci accomunano. Il bianco anfiteatro che ci accoglie si affaccia sulla bellissima spiaggia di Poetto dove dei ragazzi stanno giocano a canoa polo…il calore rilasciato dal marmo bianco ci riscalda mentre effettuiamo i controlli dell’attrezzatura.

Il mio sguardo si volge spesso verso l’orizzonte alla ricerca di quelle montagne che mi stanno aspettando ricche d’imprevisti e sorprese.

Nel tardo pomeriggio il breafing è finito e mi aspetta la serata pre-avventura in compagnia d’amici …con sorrisi e piccole tensioni e la “non certezza” di partire l’indomani mattina.

Nelle tre settimane precedenti il mio fragile corpicino ha affrontato la 24h della Rendena in solitaria con 450 e più km percorsi…. Dopo soli 10 gg la 12h di Dro con altri 260 km percorsi, tanto dislivello nelle gambe, ed ora…dopo 5 gg un’altra avventura, … e temo di “saltare”.

La nottata trascorre tranquilla e cosi suonata la sveglia, parto verso Marina Piccola. Una brezza fresca accoglie i Naturaider e li saluta al via della loro scoperta. Ore 5.00 del mattino ….VIA!….in gruppo ben compatto e chiaccherando percorriamo il primo tratto della nostra infinita strada.

Viaggiamo tutti a buon ritmo sorridenti, visi nuovi, visi conosciuti e meno conosciuti….Un dolce chiacchierio accompagna il rumore delle catene e dei deragliatori che seguono il fluido andamento della strada.

Poi piano piano con dolcissima naturalezza il gruppo prende diverse forme e si separa. Io percorro i primi CP con i primi uomini, il ritmo è bello mi piace, mi diverto e con loro mi sento sicura.

L’ambiente si presenta già ostile e selvaggio rispetto al Naturaid Trentino….Le spine dei rovi mi graffiano le gambe facendole sanguinare, poi un ramo mi colpisce in pieno causandomi un brutto taglio sulla gamba… “..ma VIA! Non posso rallentare o perdo il gruppo! Rimarrei sola!”

Percorriamo diversi km, credo un centinaio attraversando ovili, facendo scappare molti capi di bestiame…le salite si susseguono con fondi scivolosi e smossi da rendere difficile l’avanzare anche a me che amo le salite…si fa giorno ma la giornata uggiosa rende l’ambiente un po cupo.

Poi, finalmente, sopraggiunge la vista del mare…mentre sulla mia pelle scorre ormai da parecchie ore una leggerissima pioggia, non posso non fermarmi. Mi fermo, respiro…faccio qualche foto e di lì a poco sopraggiunge Mauro, colui che sarà il mio involontario “collega” di avventura/ disavventura.

Ci scambiamo due battute e ripartiamo insieme ad altri 3 ragazzi. Il nostro ritmo è simile, i nostri sguardi captano gli stessi elementi, piante, colori, luci e poi l’attenzione per il road book (l’unico compagno inseparabile d’avventura) è similare. Sintonia!

Pedaliamo km e km scambiandoci pensieri emozioni, di vita, di gare passate e del percorso che stavamo cercando di completare partecipando a questo Naturaid e cosi preoccupazioni si susseguono a risate e sorrisi.

Perdiamo e recuperiamo compagni di cammino ma io e Mauro rimaniamo sempre insieme aiutandoci a vicenda e ponendoci come primo obiettivo lo stop con breve pausa il CP8.

Verso le 01.30 a.m. arriviamo al CP8, un piatto di pasta bollente e poi ci mettiamo a riposare su dei letti in legno in una stanza dall’odore di chiuso nella quale stava già dormendo qualcuno dell’assistenza, adibita a dormitorio all’interno di una caserma forestale.

Un’ora di sonno ed è ora di partire. Usciamo e il maestrale decide di spezzare e rendere ancora più duro in cammino.

Verso le 22,00 della notte precedente avevamo perso più di un ora e mezzo al CP6 perché abbiamo perso la via …troppo, ma manteniamo la quarta posizione assoluta, io avanzo sempre prima donna con una dolcissima serenità data da una luna incantevole che accompagna il mio avanzare.

Il vento taglia le guance, è freddissimo ed entra anche nella ventina che copre il mio corpo, le labbra si screpolano ed intorno a me le foreste si susseguono a punti dove la sabbia sembra riportarci in un deserto.

Buio più assoluto, non si vedono le tracce blu a terra che ci aiutano a capire che siamo sulla strada giusta, è quindi fondamentale seguire i km parziali per non perdersi, siamo nel nulla, solo qualche animale ci tiene compagnia, gli occhi che nel buio si illuminano quando le nostre frontali li abbagliano.

Il vento non ci da’ tregua e continua a rallentare il nostro avanzare.

Al mattino l’alba sopraggiunge, mentre stiamo avanzando su una delle rare salite in asfalto. Il freddo è pungente e quasi insopportabile, nemmeno i gambali bastano per levarmi di dosso questo gelo.

Di giorno i miei occhi scorgono infiniti paesaggi che CP dopo CP cambiano di forma, gli odori di menta, rosmarino e curry (almeno credo) sono gli unici elementi a tenerci compagnia in questa terra selvaggia, poi qualche teschio d’animale, e ancora qualche capra che scappa al nostro arrivo.

Poi sopraggiunge di nuovo l’arsura e il passaggio di un guado in discesa mitiga le temperature dei nostri corpi e dei nostri freni, Mauro non sta benissimo ha un inizio di crampi che con tenacia vuole far passare. Gli passo qualche integratore e piano piano riprende il suo ritmo.

Le cose sembrano andare bene finché, verso le 15.00 del pomeriggio del sabato, accade che i miei freni posteriori si bloccano completamente durante un single track. La ruota si blocca, non ho pastiglie di riserva, il mio Naturaid è finito, devo affrontare altri 80 km di cui 21 di discesa…..come posso solo con li freno anteriore?

Mauro mi aiuta a levare la ruota dietro e tutto il gruppo pastiglie, la bike è pesante, molto pesante….ho 4 km di salita per arrivare al CP …nel salire penso di spostare il freno davanti dietro visto che la discesa non è tecnica ma veloce.

Cosi lascio Mauro, salgo di fretta, incontro soltanto un piccolo anziano dalla pelle bruciata dal sole con un lenzuolo sulla schiena carico di fieno, lo saluto con un allegro “BUONGIORNO”, mi risponde “AIO”…sorrido e proseguo verso il punto di controllo per cambiare il pezzo senza far perdere tempo al mio compagno di DISAVVENTURA!

Salgo, mangio di fretta quasi nulla…esco e spazzata sempre da un maestrale fortissimo sposto le pastiglie dal freno anteriore al posteriore, riempio le borracce di acqua e integratori, rubo ancora di fretta una mela che infilo nel taschino della maglia e scappiamo verso gli ultimi CP.

E’ il tardo pomeriggio del Sabato e non immaginavo tanta fatica, tanto camminare, tanto spingere la bike per arrivare a concludere questo Naturaid, tra i consueti rovi, pietre smosse che tagliano le caviglie e in mezzo al nulla, non una luce che ci permetta di capire dove siamo.

Il penultimo CP è in mezzo al nulla, ci attende una macchina, non una tenda, nulla….con una brioches e un po’ d’acqua, la temperatura raggiunge credo i 5 gradi…ed io e Mauro siamo esausti ci aspettano gli ultimi 10 km di salita ininterrotta, tra il nulla più assoluto.

Sono circa le 22.00 e davanti a noi si inerpicano mulattiere che raggiungono il 35% di pendenza, …..solo le nostre flebili luci, le labbra che facevano male causa il forte vento….le braccia che non avevano più la forza di spingere.

Arriviamo in cima a quella che credevamo dovesse essere l’ultima cresta, la luna proietta le nostre ombre a terra, il vento non mi permette di stare in piedi, mi siedo a terra accovacciata per non sentire il freddo e guardo la mia ombra su quei sassi che forse i miei piedi non toccheranno mai più, alzo gli occhi al cielo e vedo una luna circondata da nuvole spazzate da un maestrale cosi intenso da apparire quasi una tempesta, eppure il cielo era sereno.

Destra, sinistra, destra, sinistra, saliamo… poi 100 metri di discesa poi su ancora, Mauro mi chiede qualcosa per coprirgli il capo aveva la fronte gelida e non avendo nulla tolgo l’antipioggia del marsupio anteriore e se lo infila sotto il casco, è cosi buffo e tra una risata e l’altra scendiamo verso la costa.

Da qui l infinita discesa che ci porterà a Marina Piccola (Cagliari), freddo pungente, i freni che temo saltino da un momento all’altro, non finisce più, non finisce più…vediamo finalmente delle luci sulla costa un poco si rilassiamo, Mauro forse troppo, e preso da una crisi di sonno rallenta la sua discesa, mi fermo e cerco di svegliarlo…piano piano si riprende e con una fatica estrema si arriva a Sinnai (ultimo CP)….da li al nostro traguardo solo una serie di rotatorie e tratti di asfalto, sono le 1,00 a.m. ci fermano i carabinieri che cercano di capire cosa stiamo facendo….due battute, sono gentilissimi, e ripartiamo verso il lungo mare.

Piano mi rilasso e capisco di essere andata oltre il limite, non fisico, ma mentale di me stessa.

FREDDO, SOLITUDINE, VENTO, SASSI E SABBIA POI IL CALDO….mille continenti in uno attraversati in poco più di 44 ore di cammino, non verso quel porticciolo sul mare, ma un cammino in me stessa, alla ricerca di una calma e di un autocontrollo talmente naturale che nemmeno mi sono accorta di avere.

..io la piccola Principessa (ho un po’ la puzza sotto il naso) Lorenza in una terra selvaggia che mi appartiene più di quanto io potessi immaginare.

…..grazie al mio corpicino che non mi ha abbandonata, grazie alla mia testolina che mi ha guidata, grazie al mio cuore che mi fa sognare….perchè i sogni colorano la vita e mi hanno permesso di vivere questa splendida avventura

Ciao a tutti Lory


Saluti e ringraziamenti dall'organizzatore Maurizio Doro


1° ottobre 2010

"Sono passati diversi giorni, è terminato il Naturaid Sardegna 2010,

ma non il “Naturaid”, quello è un sogno che continua, va coltivato e lo si può realizzare tutti i giorni, è “l’Esplorazione Personale”.
Dire bella gara sembra essere troppo riduttivo, grande esperienza per tutti sembra essere troppo generale. Ognuno ha fatto il suo viaggio-esplorazione, la sua avventura, ognuno ha saputo valutare la propria prestazione e ha saputo giustamente premiarsi, tenendo conto del proprio sincero e intimo giudizio.

Sfortuna, bravura, capacità, coraggio, sincerità, onestà, correttezza, serenità.

Naturaid non è trasformazione dei propri valori perché siamo nell’evento, ma è la continuità del nostro essere nella vita. E’ un piccolo tassello della grande piramide e il sogno è raggiungere la cima o cercare di vederla.
 

Mi ero seduto, per scrivere un lungo comunicato riguardante “la gara”. Ho già cambiato idea. Non ho vincoli con nessuno e nessuno aspetta un mio resoconto.

Voglio parlare di me per salutare e ringraziare tutti.

5 anni fa ho raggiunto quest’isola “Famosa”, tante erano le incertezza, ma immenso e profondo era il sentimento che mi ha portato. Ho lasciato la regione in cui vivevo, il Trentino, “Perfetto”, terra con pochi difetti.
Tra i miei ricordi e oggetti ho ancora una rivista di montagna, ben tenuta, di ALP, datata circa 20 anni fa, l’ho conservata perché all’epoca, da scalmanato esploratore, percorrevo fiumi con la muta e le corde, quello che ora si chiama Canyoning.
Un articolo parlava di un’ esplorazione di 2 giorni nelle gole di Gorrupu a bordo di piccoli canotti e calate in corda doppia, mi affascinò e mi dissi, “un giorno voglio andarci”.
Devo essere sincero, abito vicino a Cagliari, mi sono avvicinato a queste gole ma non le ho ancora percorse,
MA LA MIA RIVISTA C’E’ ANCORA ED E’ LI NEL MIO CASSETTO.
Sara un caso, ma ora vivo in Sardegna.
Un sogno a portata di mano che forse non realizzerò mai, è come un portafortuna, intoccabile e da conservare bene.

Questo evento, Naturaid Sardegna è per me un ringraziamento a tutti, a chi ha partecipato e a chi ha contribuito avvicinandosi ed aiutando.
E’ stato un bel premio per me vedere la grande partecipazione delle istituzioni e ancor di più delle stesse persone che si spogliavano del loro solito ruolo che occupano nella vita normale e accoglievano questa nuova corrente sportiva-esplorativa-avventurosa con grande entusiasmo offrendo tutta la loro disponibilità e accoglienza.

La Sardegna è accoglienza.

Sono partito da casa, ma sono ritornato a casa. Qui in Sardegna ho trovato amici, gente cordiale, tutti pronti a offrirmi la loro essenza. Non mi sono mai sentito solo, perché ora mi sento come se fossi nato qui. Da sempre sulla mia isola.

Ho imparato molto stando vicino a loro. Il mio carattere curioso ed esuberante voleva assaporare e conoscere nel più profondo la storia di questa terra, le sue genti e le sue tradizioni.
Forse non tutto condivisibile, ma è molto importante conoscere la storia per capirne ora le ragioni e la cultura.
Mi sento un “Bracconiere di vita che ha bisogno di bere emozioni”.

Ho viaggiato molto all’interno su piste e sentieri, dall’Iglesiente al Campidano, dalla Barbagia al Supramonte, ho conosciuto diversi luoghi e sentito tante storie.

Antonio, Tore, Sergio, Fabrizio, Davide e tanti altri sono stati i miei maestri.

Ho visto e camminato su Nuraghi abbandonati di 3500 anni fa e ho visitato le “Tombe dei Giganti”
Ho conosciuto e sono rimasto affascinato dalla storia delle miniere e del “Direttore” che aveva potere assoluto.
Ho incontrato pastori e ovili arroccati e nascosti nelle gole che conducono una vita dura
Ho conosciuto il vero rispetto dato a su “Ziu”
Ho ascoltato le storie degli anziani “Minatori, emigrati per lavoro e per la guerra”
Ho partecipato alle feste di paese con le loro bandierine appese da un balcone all’altro e dove i “maialetti” girano sulle braci all’aperto.
Ho incontrato con bracconieri e forestali.
Ho saputo e letto del banditismo, del brigantaggio, dei rapimenti, di Mesina.
Ho visto gli incendi.
Ho conosciuto l’uso del coltello “Sa Pattada”. Il “Codice Barbaricino”
Ho scoperto una tradizione profonda e antica “S’Accabbadora”. Che io considero, molto personale e di elevato livello nel rispetto più intimo per la vita e il dolore.
Ho saputo della legge delle “Chiudende”.
Ho scoperto la cordialità e la disponibilità dei sardi.
Il mare e la “Tonnara”
Le spiagge e le golette.
Mi sono emozionato.

Questa è la Sardegna e io mi sento veramente parte e lei è il mio organo vitale.

Ecco, con il Naturaid Sardegna volevo far conoscere la “Mia Vera Sardegna”, le forti emozioni che regala e farvi portar via il ricordo piacevole delle sue genti.

E’ stato veramente emozionante per me vedere i miei amici del continente raggiungere il Naturaid in Sardegna, gli amici che non mi hanno abbandonato e che hanno creduto in questa nuova esperienza.
E stato bello accettare le iscrizioni dei ragazzi sardi che si sono avvicinati per la prima volta ad un evento unico nel suo genere ma anche accettare il loro giudizio, comunque sono sempre il TRENTINO VENUTO IN TERRA SARDA!!!!!

Devo dire veramente grazie ai miei amici sardi Antonio e quel giovanotto di Fabrizio che hanno insistito perché il Naturaid esplorasse anche la Sardegna e regalasse gioia a noi organizzatori e ai partecipanti.


Devo solo dire: grazie Sardegna mi hai regalato un’emozione per la vita.

Ciao a tutti, Mauri



Aspettando la prossima luna piena per il 2° NATURAID SARDEGNA

NEWS >entra

WWW.NATURAID.COM


Il Naturaider Michele Casu, ha scritto questo per condensare le emozioni di questa avventura che è stata per lui il NR Sardegna

Gli occhi della notte (NR sardegna 2010)

Sebbene la notte sia orfana del sole
ha le stelle e la luna,
le strade di notte hanno solo oscurità
ombre nere proiettate nel buio
io ho la mia luce che proietta un cono
oltre è ancora più scuro
oltre non c'è nessuno.
La mia luce trema e confonde i contorni
le ruote girano, i freni fischiano
per l'umidità
intorno la natura non dorme
nascosta dall'oscurità si allontana
dai rifugi del giorno.
La mia luce entra nei suoi occhi
e ritorna riflessa nei miei
mi accorgo di un mondo dimenticato
non ostile nè indifferente
che ci circonda circondato.
Io uomo sto nel cuore della terra
coperto dalle ombre della notte
lungo una strada che taglia questo mondo
lunga una ferita chiamata civiltà
a fare domande che loro non fanno
ad inseguire un qualcosa che loro non sanno.
Negli occhi della notte
che non sapevo
che avesse
ho scoperto l'istinto di vivere
che non sapevo
di avere.

__________________

N.22 Casu Michele 1.10.2010


 

Belle e profonde riflessioni del Naturaider Silvio Duchi N°21   3°  classificato in 40 ore e 44 min

Buio è il mattino, buia è la notte,.....

buia è la sera che accoglie me e Raffaele all’arrivo a Marina Piccola. Chiedo subito quante ore ci abbiamo messo, non so più neanche capire da quanto sono in sella. Claudio mi dice poco più di 40, evvai è un successo anche se so che non ho vinto.

Potevo farcela, potevamo farcela io e Raffaele, certo. Ma Matteo ha sangue più giovane ed è giusto così.
Porca miseria, ma il belga che dorme e si riposa come avrà fatto? Noi ai check point sempre primi e lui dietro, poi ce lo vedevamo sbucare alle spalle, magro, esile, ad un passo dall’abbandono.

Invece. Invece un corno, quello lì è fatto di ferro dicevamo, quanta invidia per quei sessanta chili scarsi con tanti cavalli in corpo.

Fatica, tanta, fame, e chi la sente, sudore, dove? Ovunque, ma è la molla che ci fa andare avanti, sempre, testa bassa e pedalare.

Ho passato un’estate problematica, ho fatto un sacco di visite specialistiche, la schiena non mi ha mai lasciato fare, ma io “chissenefrega” non ho voluto e non voglio mollare. Volevo arrivare, sì volevo anche vincere non lo nego, ma la mancanza di un po’ d’esperienza ci ha fatto perdere due/tre ore che potevano portarci a Marina Piccola prima di tutti. Raffaele e Silvio, Silvio e Raffaele e poi Matteo, il giovane, l’inesperto, è rimasto con noi sempre nonostante io non avrei scommesso un centesimo sul fatto che con la forcella rigida ce l’avesse fatta. Tenace, giovane ma allenato, ecco il suo segreto, oltre ad essere del posto e, dunque, avvantaggiato nel finale non tanto dal fatto di essere di Cagliari quanto dall’avere ancora tanta birra in corpo.

La gara? I posti? E chi li ha visti,
cervo a parte che c’è saltato giù da un costone il venerdì? Li abbiamo “sentiti” più che altro, li abbiamo vissuti intensamente durante il nostro passaggio, ne abbiamo colto le mille sfumature, le sfaccettature più ardue, i tratti più estremi. Estremi, già, come questa terra che non ti regala niente se non un’infinita bellezza fatta di paesaggi che fai appena in tempo ad archiviare nella tua mente, prima di tornare a pensare chi sei, cosa stai facendo e soprattutto perché.

Perché ho deciso di venire qua, perché faccio queste cose, perché non riesco a farne a meno. Perché andrò in Marocco anche se l’ultima volta mi sono detto che…

Buia è la notte, buio è il mattino, buia è la sera. Venerdì piove, sabato c’è il sole, pedaliamo.

Su e giù per sentieri e mulattiere, accanto ad alberi e rovi, nuraghe e storia millenaria di popoli sconosciuti, selvaggia bellezza e fascino immenso che non facciamo neanche in tempo a portare connoi perché siamo già arrivati. Ecco, è finita, la stanchezza arriva in un attimo ma prima andiamo a mangiare. Dopo i complimenti, le pacche sulle spalle, la doccia. Poi il letto, quello che per 40 ore ho sognato intensamente, dopo aver mandato a quel paese tutti e tutti ed essermi detto perché.

Grazie, sincere, a tutto e a tutti. Ho vissuto un’altra splendida avventura alla ricerca di me stesso, dei miei limiti, del mio essere biker. In fondo questo è la vita, giusto?

Capire fin dove ti puoi spingere, sempre più avanti, sempre più in fondo alla tua anima, scoprendo fin dove il tuo fisico ti porterà. Stavolta mi ha portato in una terra che avevo visto solamente due mesi prima con tutte le comodità di una vacanza. Esperienza assoluta ed indimenticabile, sia la prima sia la seconda, dagli agi alle spine, ai rovi, ai sassi, alle pietre, al sudore ed alla fatica. Perché si può capire la vita anche vivendola intensamente in sella ad una mountain bike, dove le emozioni ti sono trasmesse dal cuore e dalle mani.
La mente, quella sola, farà il resto.

Ciao Sardegna, a presto.
Grazie ai pastori che nei chek point negli ovili ti offrivano tutto e di piu', grazie all'organizzazione, grazie a mia moglie ed ai miei bambini che mi sopportano in queste avventure demenziali, ma forse di demenziale c'e' poco o ci sono io!.
GRAZIE MAURI

Ciao Silvio


Resoconto del Naturaid Sardegna 2010 di Amos Cardia

  N°8 Amos Cardia Ha completato il giro di 320 km e 7300 m di dislivello in 47h16min

Il NatuRaid Sardegna 2010 per noi inizia prima, molto prima della partenza di venerdì 24 settembre. Inizia più o meno a gennaio, con l’idea di partecipare e la ricerca degli sponsor, un’attività mai condotta in cui siamo dei principianti assoluti. Dopo numerosi tentativi andati a vuoto, cui però facciamo seguire progressivi aggiustamenti, a luglio riusciamo a concretizzare e così, adesso, sappiamo fare anche questo.

La nostra preparazione, fisica e tecnica, ci preoccupa ma non troppo. Da tempo viaggiamo in bici per conto nostro in situazioni molto simili a quelle del NatuRaid. La differenza è la grande quantità di chilometri da percorrere in poco tempo, sfruttando il più possibile anche la notte, quindi pedalando per molte ore al buio e rinunciando a dormire come si dovrebbe. Ci alleniamo al meglio di quanto possiamo, miglioriamo l’attrezzatura e quel che è fatto è fatto. Dovremmo comunque essere in condizioni migliori di tanti altri partecipanti che, come noi, sono al loro primo NatuRaid.

Arriviamo al raduno a Marina Piccola, la sera prima. Si soppesano umori, conoscenze e biciclette, si osservano le soluzioni tecniche di ciascuno. Non sembriamo messi male, ma qualcosa si può migliorare. Per togliere un po’ di peso e di attrito decido di eliminare la borsa al manubrio e di metterci soltanto un leggio in cartone plastico. Lascio la bici lì, torno a casa, lo costruisco e lo monto la mattina alle 4.30, mezzora prima della partenza. Le bici dei veterani non sono poi tanto leggere, i più leggeri sembrano proprio Gigi, Piero e il cagliaritano Matteo Melis, il più giovane fra tutti i partecipanti. La bici di Mauro Occhi sembra pesantissima, ma questo non gli impedirà di fare una buona gara. Nel suo caso, il peso è anche quello dell’esperienza, arriva in Sardegna fresco dal Mongolia Bike Challenge.

Chi arriva da lontano, da Arzana al Belgio, rimane a dormire a Marina Piccola, sul pavimento del locale in cui abbiamo cenato e in cui faremo colazione la mattina dopo alle 4. Noi che arriviamo da vicino, da Cagliari a Sinnai, torniamo a casa a dormire e ci mettiamo la sveglia alle 3.30. Io sono a letto dalle 22, ma per l’emozione non riesco a dormire, mi addormento soltanto alle 2 e dormire un’ora e mezza, nell’ultima notte utile, non è un buon modo per cominciare il NatuRaid. Ma ormai ci siamo, quel che è fatto è fatto.

Partenza (Cagliari) - CP 1 (Bau 'e Arrèxini)

Bisogna percorrere tutto viale Poetto e la litoranea fino a Geremeas, poi si sale a Su Suèrgiu Mannu, Sa Corti e Codoleddu. Da Marina Piccola a Geremeas procediamo tutti uniti in gruppo, a fare l’andatura davanti ci sono Raffaele Verzella e Lorenza Menapace, nessuno li supera e nemmeno li affianca. Sono loro i favoriti, sfidarli sin da adesso non avrebbe nessun senso, così, appena dietro la loro ruota, c’è un muntone fittissimo e per un po’ ce ne stiamo buoni al centro. Poi, alla ricerca di un po’ d’aria, abituati agli spazi sconfinati del Sarrabus e del Gerrei e a pedalarci in assoluta solitudine, insieme a Matteo ci mettiamo appena dietro Verzella e Menapace, impazienti che cominci la salita e la selezione.
A Su Suèrgiu Mannu comincia la salita ma non la selezione, c’è ancora il muntone e allora, sempre con Matteo, andiamo davanti, forti anche del fatto di non avere bisogno di controllare il roadbook per sapere dove andare. Il muntone sembra disfarsi, ma non più di tanto, a venti metri da noi ci sono ancora tutti e i veterani non hanno nessuna intenzione di lasciarci scappare. Così, negli ultimi tornanti dopo Sa Corti, Verzella acchiappa Gigi, Piero e Matteo e, poco più indietro, mi affianca Silvio Duchi.
Silvio vuole vincere e sembra preoccupato dalla nostra intraprendenza, dice che a vincere sarà Verzella e che non crede che Gigi, Piero e Matteo possano reggere con lui per molto tempo. Lo rassicuro che, fra loro tre, almeno uno reggerà, e i fatti mi hanno dato ragione. A gara finita lo ammetterà lui stesso nel suo resoconto: «Matteo, il giovane, l’inesperto, è rimasto sempre con noi, nonostante io non avrei scommesso un centesimo sul fatto che con la forcella rigida ce l’avrebbe fatta. Tenace, giovane ma allenato».
Siamo ormai al check point, la squadra Cardia-Olla-Sulis, più Melis considerato simpatizzante, vince al traguardo del primo check-point. Scrive Maurizio Doro in diretta: «Dopo i primi 44 km. di gara i primi ad arrivare sono il gruppetto dei sardi, motivatissimi a tenere alto l'onore in casa, gli animi sono sereni e dopo un breve rifornimento d'acqua ripartono decisi. Hanno una media di 17,5 km/h». In realtà non ci sono classifiche di squadra né di tappa, ma una cosa bisognava farla, per la squadra e per gli sponsor, e l’abbiamo fatta. Adesso la gara può cominciare.

CP 1 (Bau 'e Arrèxini) – CP 2 (Hotel Sant’Angelo)

Ho tenuto il ritmo alto di Gigi, Piero e Matteo fino a Bau ‘e Arrèxini per tenere unita la squadra, ma so benissimo che non posso viaggiare a lungo a quelle medie. Tanto vale che li lasci andare, ormai è giorno, e mi fermi al check-point a sistemarmi, senza preoccuparmi se nel frattempo mi passano davanti quelli che erano i nostri inseguitori. Riprendo da solo e fino ad Arcu su Cabriolu non riesco a raggiungere nessuno, mi sto già rassegnando ma ecco che alla sbarra di Buddui trovo Mauro Occhi e Michele La Rosa fermi a interpretare il roadbook. Li rassicuro e continuiamo insieme, ma la discesa molto tecnica verso Casa Sulis ci separa nuovamente. Mauro davanti, che ha la bici ammortizzata e si può permettere velocità più alte, io in mezzo, che me la cavo anche con la bici rigida, e Michele dietro, che pur avendo la forcella ammortizzata non se la sente di andare veloce.
Il tratto successivo, costituito da sterrati e da strade asfaltate secondarie, mi permette di riprendere Mauro quasi subito e insieme arriviamo all’hotel Sant’Angelo. Abbiamo percorso ormai 74 km., gli propongo un merito caffè al bar dell’albergo ma è irremovibile, mi dà appena il tempo di prendere due integratori e di mettermi in tasca due pezzi di crostata. Ci raggiunge Michele e questo fatto gli mette ancora più fretta, sono pronti a ripartire, Mauro mi chiama e io obbedisco non so perché.

CP 2 (Hotel Sant'Angelo) - CP 3 (San Vito)

Mauro non ha accettato il caffè, non l’ho bevuto neanche io e intzandus custa mi dda pagat, mi sento autorizzato a fare il parassita, sto dietro a lui e a Michele senza navigare, anche quando c’è da trovare il sentiero guadando l’Ollastu. Un tratto difficile, lì ha perso molto tempo anche il gruppo di testa, composto da Verzella, Gigi, Piero, Matteo, Silvio ed Enza Menapace. Lo intuiamo perché ne sentiamo le voci, sono ancora vicini, sarebbe una bella fortuna se sbagliassero ancora e li raggiungessimo. Ma non succede, il sentiero è molto tecnico, è la vecchia strada mineraria che porta a Mont’‘e Narba. Io, Mauro e Michele stiamo uniti, il tecnico rallenta tutti e rende meno evidenti le differenze di velocità, ma appena torniamo sullo sterrato e inizia la salita verso la caserma forestale il discorso cambia. Abbiamo fatto quasi 100 km., non so dove trovino le forze ma Michele e Mauro allungano decisamente e io rimango indietro. Spariscono, tanto che, verrò a sapere dopo, raggiungeranno in poco tempo Gigi e Piero, gli ultimi del sestetto di testa.
Per me è un brutto colpo e scatta la prima crisi, faccio qualche pezzo a piedi, arrivo faticosamente alla caserma forestale, chiacchero un po’ con gli operai, mi riprendo e riparto. La strada sale a tornanti tutti sullo stesso versante spoglio, così dall’alto si può controllare se sta salendo qualcuno. Stanno salendo in due, non capisco chi siano, ma non dovrebbero darmi problemi, almeno fino al check-point di San Vito, io sono molto più avanti di loro e sto nuovamente bene. Sto bene ma, proprio poco prima di San Vito, buco. Mentre riparo mi raggiungono e mi superano i due inseguitori, sono i belgi, e mentre sto ripartendo mi raggiunge anche Michele Casu di Sassari. Sto perdendo troppe posizioni, se è destino che io scivoli nella seconda metà della classifica, tanto vale interpreti il NatuRaid come vacanza. Arrivo con Michele al check-point di San Vito e non faccio fatica a convincerlo che è opportuno fermarci a mangiare con calma e, quando siamo proprio sazi, ci fermiamo al bar per un caffè. A volte tra sardi si ragiona meglio e ci guadagna l’umore.

CP 3 (San Vito) - CP 4 (Tertenia)

Riparto tranquillo con Michele che è ancora più tranquillo, che evidentemente, di rimanere entro la prima metà della classifica, non se lo proponeva neppure. Nelle rampre più ripide di una lunga salita asfaltata decidiamo di scendere e spingere a piedi, del resto stiamo digerendo.
Siccome comincio ad annoiarmi rimango indietro a sistemarmi il lettore mp3 per un po’ di compagnia, perdo Michele ma lo riacchiappo in corrispondenza del bar di Quirra. Percorriamo insieme tutto il lungomare, uno scenario bellissimo, su un sentiero molto tecnico e nervoso, che richiede continui cambi di marcia. Ma stiamo prendendo pioggia dalla mattina, ho il grip-shift e cambiare sulle manopole fradice con i guanti fradici è una vera tortura. Il risultato è che cambio meno di quanto dovrei, spingo sul tecnico con rapporti a volte troppo lunghi e mi comprometto la gamba.
Arriviamo comunque insieme alla marina di Tertenia, ma lui è rimasto più fresco e arriva in paese prima. L’Allenza nord-sud Sardegna ha funzionato finché possibile, ha fatto in modo che non ci raggiungesse nessuno stràngiu ma adesso non so se Michele lo rivedrò prima dell’arrivo. Sono sicuro di essere più forte io, ma sono altrettanto sicuro che lui ha molta più di testa di me. Io non sono capace di soffrire, se non mi diverto mi vengono troppi scompensi di umore e dunque di prestazione.

CP 4 (Tertenia) - CP 5 (Santa Barbara)

Il check-point è nella sala consiliare del Municipio, finora ho fatto 147 km., Michele Casu è arrivato soltanto dieci minuti prima di me ma io, ormai, ho bisogno di dormire e lo saluto mentre va via. La notte precedente insonne inizia a farsi sentire e questa sala consiliare è un’ottimo posto per dormire. C’è un bagno in cui lavarsi e ottimo cibo a volontà offerto dalla Pro Loco. Tra prepararmi, coricarmi, addormentarmi, svegliarmi, alzarmi e ripreparmi trascorrono due ore e mezza, un tempo lunghissimo, ma necessario.
Mi sveglio e mi alzo che mi sento freschissimo, consulto gli arrivi e scopro che mentre dormivo è arrivata gente dopo di me che da lì è anche ripartita prima di me. Sono Roberto Cotza di Quartu di Sardinia Mountain Bike, Marco Melis il sindaco di Arzana, fresco della partecipazione al Rally di Sardegna, e i due fratelli Trentini. Non mi preoccupo, sto seriamente decidendo di fare il giro corto (330 km. anziché 434 km.) e su quello sarei messo benissimo, in condizioni di arrivare primo. In generale mi diverto di più a essere ultimo dei forti, piuttosto che primo dei deboli, ma ormai non ho tanta voglia e il giro corto mi va benissimo.
Ormai è notte e gran parte della ripida salita dopo il paese la faccio a piedi, perché inganno il tempo a registrare sul cellulare la testimonianza di questa prima giornata di NatuRaid, che poi spedirò a Fabio Cocco che la pubblicherà in Internet in tempo reale. Ma un po’ mi incarto nel racconto, un po’ manca il campo e dunque devo rifare il lavoro tre o quattro volte, ci metto molto tempo e la salita la faccio quasi tutta a piedi. In compenso rimango fresco e, poco dopo il valico, inizio felice e tranquillo la discesa.
Avrei preferito un’altra occasione, ma lì riprendo i fratelli Trentini che mi avevano superato mentre dormivo a Tertenia. Uno ha avuto un colpo di sonno in bici, è caduto e si è fatto molto male. Non è sempre cosciente. È steso sulla strada col sacco a pelo e il telo di emergenza, vicino un piccolo fuoco acceso per fargli caldo. Rimango con loro una buona mezzora, finché non arriva il Soccorso Alpino, poco dopo di me, e non sono completate tutte le operazioni di soccorso.
Riparto triste e veloce, non perché adesso abbia da riprendere solo Roberto e Marco, ma perché sto bene, perché buttato nei monti di Ulassai a mezzanotte non ci faccio niente, perché il faro è potente, perché c’è un bel freddo ma io ho l’abbigliamento giusto e non lo soffro. Poi perché sono curioso di vedere il check-point di Santa Barbara in cui dovrebbero esserci dei letti. Voglio vedere chi troverò lì che dorme di grosso.
Ci arrivo all’una di notte in punto e scopro che le cose stanno diversamente da quanto pensavo. Tutto il gruppo di testa ha tirato dritto, ormai siamo su altri pianeti, a dormire c’è solo Michele Casu e il belga Jurgen. Marco e Roberto non sono ancora arrivati, ma da Tertenia sono partiti prima di me e io non li ho superati. Dove sono? L’unica spiegazione è che si siano persi, e che io gli sia passato davanti mentre erano chissà dove. È andata proprio così, arrivano mezzora dopo di me, esausti per la strada e per la salita fatta in più. Così, gli ultimi sei che da Tertenia erano partiti prima di me (Michele, Jurgen, i due Trentini, Marco e Roberto), ddus apu totus torraus a aciapai. Vado a letto all’una e mezza, dopo avere cenato, proprio mentre stanno arrivando Marco e Roberto. Scopro che i letti sono soltanto tre, due dei quali già occupati da Jurgen e da Michele. Io prendo l’unico letto rimasto e Marco e Roberto, arrivati dopo nella camera, dovranno accomodarsi sul pavimento e aspettare che qualcuno vada via.
Funziona così, chi vuole fare il giro lungo deve ripartire da questo check-point entro le 6 del mattino, chi fa il giro corto può trattenersi quanto vuole. Alle 5.30 si libera il letto di Jurgen, che fa il giro lungo, e alle 7 quello di Michele, che fa il giro corto e ormai ha dormito a sufficienza. Così alle 8 mi sveglio con Marco e Roberto che si sono trasferiti sui letti, ci alziamo, facciamo colazione, firmiamo l’uscita dal check-point insieme alle 8.20 ma in realtà io parto più tardi per continuare a mangiare. Per noi del giro corto, per tagliare un pezzo di percorso, la meta è il CP 10 (Ponte), cui si arriva in pochi minuti attraverso una strada sterrata.

CP 10 (Ponte) - CP 11 (Perdasdefogu)

Appena arrivato al CP 10 scopro che quasi tutti quelli del giro lungo sono già passati, hanno pedalato tutta la notte o comunque gran parte, e me li ritrovo nuovamente davanti malgrado abbiano percorso 100 km. più di me. Ma non sono ancora passati Gigi e Piero e chissà se mi raggiungeranno.
Così percorro completamente da solo anche questa tappa, dopo Tertenia-Santa Barbara, con tutte le energie della mattina dopo aver dormito bene una notte intera. È dura ma è bella, arrivo facilmente a Perdasdefogu e anche qui c’è un ristoro che merita molta attenzione e molto tempo.

CP 11 (Perdasdefogu) - CP 12 (Ovile di Murdega)

Altra tappa che percorro completamente da solo, nessuno mi raggiunge e io non raggiungo nessuno. Dopo l’altipiano alla base di Monte Cardiga una bella discesa tecnica ci porta alla valle di Murdega, che ancora non conoscevo. Mi manca neanche un km. al check-point che incrocio Daniele Modolo, proveniente la mattina presto dal giro lungo, e Marco e Roberto che lo hanno raggiunto. Li ho ripresi, non lo avrei mai sperato, solo che loro sono già passati all’ovile che funge da check-point e ora si stanno dirigendo a Villasalto.
Non mi aspettano ma io non posso perdere quest’occasione, volo all’ovile, firmo, bevo e mangio velocemente e via al loro inseguimento. Se li ho ripresi vuol dire che sono più veloce, posso riprenderli ancora, del resto ho dormito e sto mangiando meglio di loro.

CP 12 (Ovile di Murdega) - CP 13 (Villasalto)


Dalla valle di Murdega si sale in vetta attraverso una sterrata a tornanti sempre sullo stesso versante, così dal basso io posso vedere a che punto siano loro. Sono già lontani, ma probabilmente stanno salendo con la corona 22, mentre io spingo bene quella 32 e piano piano, quasi non sembra, guadagno terreno. Ci metto circa mezzora a riprenderli e li trovo ancora insieme, Marco, Roberto e Daniele Modolo.
A questo punto, per continuare ad attaccare, mi serve una motivazione nuova. Daniele Modolo, visto che è qui, sul giro lungo ha superato Piero e Gigi, i miei compagni di squadra, ma non deve riuscirgli di superare me, anche sul corto. A Cagliari devo arrivare io prima di lui, per la squadra.
In sardo, affinché lui non capisca, chiedo a Marco come stia Daniele, e mi risponde: «Mi parit mesu mortu». È ciò che volevo sentire, saluto Marco, supero Daniele e via in fuga. La strada porta a S’Ìlixi Druci, mi giro indietro in continuazione ma di Daniele neanche l’ombra, ottimo. Ora bisogna scendere al Flumendosa attraverso uno sterrato che conosco benissimo perché è un tratto della TranSardinia Classic, così vado bello veloce e non mi giro neanche più indietro a controllare se qualcuno mi stia inseguendo.
Quasi arrivato al fiume, Daniele mi supera. Sembra incredibile ma in un attimo capisco tutto. Io, che ho ruote 26 e una forcella rigida, sono riuscito a distanziarlo in salita, ma lui, con ruote 29 e una forcella ammortizzata, in discesa ha potuto sviluppare più velocità di me. Fortuna che la discesa ormai è finita, bisogna guadare il Flumendosa e poi sarà tutta salita fino a Villasalto.
Ovviamente lui non conosce il guado del Flumendosa, lo attraversa senza troppe difficoltà ma io so dove il fondo è migliore e così diminuisco il distacco di alcuni secondi, poi in salita addiritura si ferma, io lo supero e riprendo la fuga. Il roadbook mi fa percorrere tutto il Sentiero del Minatore, è pulito ma ogni tanto il pungitopo e i rovi arrivano fino al centro del sentiero, a farmi temere bucature. Allora addio fuga.
Ma non succede, sono fortunato, talmente tanto che appena arrivo al check-point, ospitato nella palestra, incontro Michele Casu che sta andando via. Incredibile anche questo, al CP 10 aveva un’ora e quaranta di vantaggio su di me ma in 80 km. l’ho raggiunto. Lui comincia ad andare ma mi chiede di raggiungerlo presto, perché è stanco di procedere da solo. Entro in palestra, mangio e via fuori verso Mont''e Genis.

CP 13 (Villasalto) - CP 14 (Mont''e Genis)


Sono secondo del giro corto, appena raggiungerò Michele sarò primo insieme a lui, ma la tappa inizia male e anche questa la percorrerò tutta da solo. Mi è successo andando via da Tertenia, mi è successo andando via da Perdasdefogu e mi succede andando via anche da Villasalto. Uscendo dal check-point sbaglio strada dentro il paese e ci metto molto tempo a trovare la strada giusta in periferia che mi porti sul percorso. Ogni volta non è mai del tutto colpa mia, tra sensi unici che il roadbook non dice se rispettare o no, cartelli dei nomi delle strade che mancano e così via, ma il risultato è che perdo un sacco di tempo.
Così, in uno dei miei passaggi davanti al check-point per riniziare la navigazione da capo, vedo arrivare Daniele, Marco e Roberto. Non ci voleva. Fermo una macchina e mi faccio indicare la strada (che poi il cartello c’era pure) e via di corsa. Dopo un po’ di sterrato, in discesa e in salita, è quasi buio e inizia un lungo sentiero nel sottobosco, difficile da percorrere anche con la luce. Mi va benissimo, io col tramonto sto facendo giusto in tempo, tra pochissimo sarà notte e i miei inseguitori lo troveranno tutto al buio, col risultato di dover rallentare molto.
Io stesso percorro l’ultimo pezzo che è già buio, poi il sentiero termina in una strada che arriva a una vetta dalla quale si può controllare il sentiero, ormai lontano, almeno nei suoi pochissimi tratti esposti. È tutto buio pesto, ma a un tratto due luci appaiono sul sentiero. Sono lontane ma si muovono veloci. Non è possibile, questi sono più duri di quanto pensassi. Sono davvero due o ci sono tutti e tre? Se sono davvero due, chi è rimasto indietro? Non posso saperlo e di certo non li aspetto per scoprirlo. Accellero ma ora c’è da fare un altro sentiero, quasi tutto a piedi e questa volta al buio anche per me.
Finisce su una sterrata, poi su una strada asfaltata, finalmente posso correre, il roadbook mi sta portando a Genna Aràsili. Da lì mi fa percorrere la strada forestale sul versante ovest di Mont’‘e Genis, fino a Genna. Dove hanno messo il check-point? Michele dove è finito? Perché non l’ho raggiunto? Si è perso o ha corso più di me?
Una macchina parcheggiata in uno spiazzo fa lampeggiare i fari, vado al finestrino, sono arrivato, il check-point è la macchina e non hanno neanche roba da mangiare, bell’arratza de check-point! C’è un’altra macchina parcheggiata, si apre il finestrino ed è Michele morto di freddo. Sono le dieci di sera e lui è li dalle 21.15. Mi ha aspettato perché non vuole percorrere le creste da solo, c’è molto freddo e molto vento. Mi chiede di fare presto perché più si fa tardi e più la temperatura scende, ma proprio quando stiamo partendo arrivano Marco, Roberto e Daniele. A questo punto la ritrovata Alleanza nord-sud Sardegna, con l’ingresso di Marco Melis e di Roberto Cotza diventa l’Alleanza Sardegna intera, con Daniele Modolo ospite esausto dal giro lungo, che dobbiamo portare a Cagliari sano e salvo.

CP 14 (Mont''e Genis) - CP 15 (Sinnai)

C’è molto freddo ma qualcuno dice che è niente rispetto a quanto deve aver provato Maurizio Doro in Alaska d’inverno. «Ma difatis est andau issu, no seu andau deu» è la risposta lapidaria. Decidiamo di rimanere insieme fino a Marina Piccola, attraversiamo le creste e da Genn’‘e Funtana a Sinnai il vento e il freddo diminuiscono molto. Daniele si è ripreso, vorrebbe che accellerassimo ma noi scendiamo piano, ormai l’alleanza è fatta ed è salda, arriveremo tutti e quattro primi e non c’è nessuna ragione di correre. Ogni tanto Daniele si allontana un po’ davanti, come a volersi fare seguire, ma noi continuiamo a scendere passillendi, lui sembra non fidarsi a continuare da solo e così arriviano al check-point di Sinnai alle 2.40 di notte.

CP 15 (Sinnai) - ARRIVO (Marina Piccola)

Se i nottambuli di Sinnai erano abituati a vedere soltanto unu macu in bici a quell’ora, che potevo essere io, adesso si stupiranno meno perché ne hanno visto cinque insieme, che eravamo noi. L’asfalto della strada per Cagliari è gradevolissimo, mi sembra quasi una strada mai fatta, tanto il NatuRaid mi ha resettato il cervello. Nella pista ciclabile del Poetto camminiamo a piedi e arriviamo a Marina Piccola già rilassati, in 47 ore e 15 minuti. Maurizio Doro ci fotografa e cerca di intervistarci, ma io letteralmente non ho parole, non riesco a dire niente. C’è il tempo delle emozioni e il tempo delle parole, e quello era il tempo delle emozioni.

Ciao a tutti Amos

 

Ecco anche la simpatica intervista che Amos ha fatto all'amico Matteo Melis vincitore del Naturaid Sardegna

>INTERVISTA Entra<

 


 

NEWS >entra